Quanto dollaro USA è realmente in tether (USDT)?

Poco prima dell’Hard Fork, all’inizio di agosto, un perdente ha preso d’assalto le prime posizioni della CoinMarketCap. Con il quarto posto tra le valute cripto più scambiate, Tether (USDT) si è assicurato un posto fisso davanti a Dash, Monero e altre 10 valute principali.

La mappatura di Bitcoin evolution

A nessuno poteva davvero prevedere l’impatto della prossima forcella, molti utenti hanno scambiato le loro valute crittografiche con il tether. Ancora oggi, la valuta digitale è il numero 19 della Bitcoin evolution e ha un totale di oltre 390 milioni di gettoni – il che significa 390 milioni di dollari per la maggior parte degli utenti, perché Tether ha collegato il prezzo di un USDT al dollaro USA.

La domanda che molte persone si pongono attualmente è: questo ancoraggio USDT si trasforma in un vero dollaro USA?

Almeno la società dietro Tether afferma di avere depositi in dollari per ogni legame, quindi si potrebbe supporre di poter cambiare il legame con dollari USA reali.

Recentemente è sorta una controversia su una sezione nella sezione “legale” del sito web di Bitcoin evolution:

Una volta che possiedi Bitcoin evolution, puoi scambiarlo, conservarlo o usarlo per pagare le persone che accettano Tether: https://www.geldplus.net/it/bitcoin-evolution-truffa/ Ma i Tethers non sono denaro e non uno strumento monetario. Inoltre, non è un valore memorizzato o una valuta. Non esiste alcun diritto contrattuale o altro diritto, né alcun diritto legale al pagamento o allo scambio dei vostri Tethers in cambio di denaro. Non garantiamo inoltre alcun diritto di ritirare o scambiare qualsiasi legame sul nostro sito con denaro. Non c’è alcuna garanzia contro le perdite quando compri, commerci o vendi Tether.

L’azienda non chiama la sua valuta criptata (se è una sola) denaro. Non vi è inoltre alcun diritto al pagamento ai sensi di questo paragrafo. Se si considera anche che ogni giorno si scambiano milioni tra denaro e “non denaro”, allora si capisce la seguente critica.

Sicurezza
Dopo che alcune voci sul taglio dei collegamenti con l’americano Wells Fargo e una banca taiwanese sono stati sentiti, la comunità ha chiesto revisioni contabili per confermare la riserva di dollari USA.

Ieri sera, infatti, la società ha pubblicato una dichiarazione ufficiale sugli audit in sospeso. Tuttavia, il problema qui è che l’ultimo audit è stato effettuato nel mese di marzo e da allora sono state emesse diverse centinaia di dollari USA per legame.

Nella dichiarazione si afferma che le revisioni contabili sono solo di interesse per gli azionisti e quindi non adatte al pubblico. Tuttavia, Tether ha pubblicato gli ultimi quattro audit, di cui l’ultimo noto è quello del 31 marzo 2017.

Dopo le accuse arrabbiate su Reddit che la politica di Tether potrebbe teoricamente danneggiare le valute criptate, Tether ha corretto la sua posizione rispetto ai suoi Termini di Servizio. Un pagamento è ancora possibile, ma limitato:

“Abbiamo il dovere di garantire che il nostro servizio non venga utilizzato da chiunque provenga da un paese sanzionato, sia altrimenti soggetto a sanzione o non sia in grado di fornire prove di base. In breve, i pagamenti non sono negati senza motivo, ma ci riserviamo il diritto di decidere caso per caso”.

Per gli appassionati di crittografia, questo è un criterio ad eliminazione diretta. Manca un titolo, uno scambio temporaneo in USDT è quindi associato ad un grande rischio, perché i Termini di Servizio proteggono i diritti del tether company, ma non concedono alcun diritto al titolare di un gettone USDT.

USDT non è quindi uguale al dollaro USA. Ma una cosa è diventata chiara attraverso la continuazione dell’esistenza del Tether: I commercianti hanno bisogno di un gettone che rappresenti il dollaro USA. Forse qualcuno svilupperà un’alternativa “reale” in futuro.

Emissione di azioni tramite blockchain: Overstock fa da apripista

Il gigante online Overstock ha annunciato durante l’International Futures Conference che emetterà le proprie azioni tramite la piattaforma tØ Blockchain.

Lanciata nell’agosto 2015, la piattaforma tØ Blockchain è stata progettata per rivoluzionare il commercio e le transazioni di attività, emettendo azioni e obbligazioni come attività digitali e a catena di blocco.

Secondo le dichiarazioni dell’impresa, Overstock intende emettere le azioni in due modi diversi: da un lato attraverso i canali tradizionali (Nasdaq) e dall’altro attraverso la catena Blockchain.

Judd Bailey, direttore della Cryptocurrency Manager di Overstock, ha sottolineato che il 100% delle azioni della blockchain sono negoziate, trasferite e registrate attraverso la blockchain e sono quindi trattate interamente attraverso il libro contabile decentrato.

Bagley dice in un’intervista a Bitcoin formula:

“Abbiamo testato più volte la sicurezza de Bitcoin formula e possiamo dire con la coscienza pulita che l’output è sicuro e soddisfa pienamente gli elevati standard della SEC”.

Bailey ha fatto nuovamente riferimento al test del luglio 2015, in cui il “Cryptobond” da 5 milioni di dollari USA è stato emesso attraverso la catena a blocchi. Il test ha coinvolto il CEO Patrick Byrne e la società di trading con sede a New York FNY Managed Accounts. Hanno dimostrato con successo come gli strumenti finanziari possono essere digitalizzati e regolati attraverso la catena di blocco.

Overstock utilizzerà un libro mastro idoneo per emettere le azioni tØ, ma le operazioni saranno raggruppate e velocizzate a causa della trasparenza della catena di blocchi Bitcoin.

In totale, Overstock emetterà 1 milione di azioni Blockchain per un valore totale di 25,29 milioni di dollari USA.

“Abbiamo scelto 1 milione di azioni perché si tratta di una dimensione significativa per dimostrare il concetto”, ha detto Baily.

Due mercati diversi di Bitcoin formula

A causa dell’emissione su due mercati diversi di Bitcoin formula, il valore dell’azione può differire su entrambi i mercati: https://www.geldplus.net/it/bitcoin-formula-truffa/

Ad esempio, non vi è alcun legame tra la quota di Blockchain e la quota emessa nel modo tradizionale. I commercianti possono così negoziare le azioni su due mercati diversi.

Finora Overstock non ha annunciato pubblicamente un orario esatto.

Commento dell’autore (Mark): “Devo dire che Overstock ha davvero le palle. Abbiamo già sentito parlare molto del gigante della vendita al dettaglio dagli Stati Uniti in passato. Overstock è stata una delle prime grandi aziende a decidere di accettare Bitcoin come mezzo di pagamento e da allora ha mantenuto uno stretto rapporto con la valuta digitale. Il CEO Patrick Byrne è diventato un vero pioniere del settore. Sono ansioso di vedere quali aziende seguiranno l’esempio dopo l’auspicabile successo del lancio”.

OCSE: evento per sfruttare il potenziale della catena di blocco

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) vorrebbe organizzare a settembre un evento sulle potenzialità e le opportunità della tecnologia a catena di blocco per i governi. Tra gli altri, il segretario generale dell’OCSE Angel Gurria, i capi di governo delle Bermuda, Mauritius e della Serbia e il ministro degli esteri sloveno saranno presenti presso la sede dell’OCSE a Parigi.

Russia: l’organizzazione governativa vuole monitorare i portafogli di crypto trader

L’organizzazione governativa russa Rosfinmonitoring vuole monitorare i crypto trader di persone sospette al fine di individuare possibili incoerenze: https://www.forexaktuell.com/it/crypto-trader-recensioni-opinioni/ Rosfinmonitoring è l’autorità competente per la lotta contro la criminalità finanziaria. In considerazione della crescente importanza del commercio di crittografia nell’economia russa, si intende ora estendere le sue capacità di monitoraggio al settore della crittografia.

Corea del Sud: l’isola di Jeju vuole diventare un hub a crypto trader

L’isola sudcoreana di Jeju Island vuole ottenere uno status speciale come hub a crypto trader all’interno della Corea. La settimana scorsa, il presidente dell’isola, Won Hee-ryong, ha incontrato il presidente sudcoreano Moon Jae-in per negoziare lo status dell’isola. È prevista una zona franca economica in cui, tra l’altro, le prime offerte di monete possono essere effettuate in modo controllato. Gli ICO sono stati vietati in Corea del Sud dallo scorso anno.

India: Considerazioni su una valuta statale criptata
La Repubblica dell’India sta valutando la possibilità di rilasciare la propria moneta criptata controllata dallo Stato. Simile al Petro in Venezuela, tuttavia, non dovrebbe essere in grado di svilupparsi liberamente, ma dovrebbe essere legato al valore della rupia indiana. Lo sfondo del Vorha

Coinbase e Deloitte analizzano le valute blockchain e crypto

Un’indagine attuale dello scambio crittografico Coinbase esamina, tra l’altro, il significato della catena di blocco e delle valute crittografiche presso le università americane. Nel frattempo, la società di revisione Deloitte sta indagando sul ruolo della tecnologia per le imprese. Un confronto.

La comunità della crittografia beneficia regolarmente di studi e indagini attuali sull’adattamento della catena a blocchi e sull’uso della crittografia. I clienti provengono da tutti i tipi di industrie, come la politica, il settore privato o la stessa criptoscena. Due studi in corso sul crypto exchange Coinbase e la società di revisione Deloitte intervistano istituti di formazione e aziende su temi di blockchain.

Coinbase: Blockchain e Bitcoin code fa parte del curriculum del 42 per cento delle università d’élite

Insieme a Qriously, Coinbase e Bitcoin code sta studiando il ruolo della catena a blocchi e della crittografia nelle università di tutto il mondo. Lo studio ha coinvolto 675 studenti provenienti da 50 tra le università più rinomate a livello internazionale. In 21 di queste 50 università, agli studenti viene offerto almeno un corso sulla catena a blocchi e sulle valute criptate. Ciò corrisponde ad una quota di cripto del 42 percento. Questi corsi sono distribuiti in diversi istituti e sedie, il che suggerisce che nell’insegnamento si tiene conto di diversi aspetti della crittoeconomia.

L’Università di Stanford occupa il primo posto tra le università di criptoffine, offrendo un totale di dieci corsi su vari aspetti della crittografia. Seguono subito dopo la Cornell University di New York con un totale di nove corsi di crittografia. Tutte le altre istituzioni educative esaminate sono molto indietro.

L’indagine evidenzia anche l’uso della cripta da parte degli studenti americani. Il nove per cento degli intervistati negli Stati Uniti ha dichiarato di aver preso parte ad un corso di crittografia. Inoltre, il 18 per cento degli studenti possiede valute cripto, per un totale del 26 per cento ha espresso il desiderio di saperne di più sulle valute cripto e partecipare a tale corso. Questo elevato numero di parti interessate dovrebbe piacere anche ai decisori del settore privato.

Bitcoin code: l’84% delle aziende crede nell’adattamento tradizionale

L’indagine Deloitte è molto più ampia di quella di Bitcoin code. In totale sono state intervistate 1.053 aziende provenienti da Germania, Francia, Gran Bretagna, Cina, Canada, Messico e Stati Uniti. Hanno partecipato 132 aziende tedesche: https://www.geldplus.net/it/bitcoin-code-truffa/ Inoltre, l’attenzione si è concentrata non tanto sulla diffusione della conoscenza criptata, quanto piuttosto sull’uso attivo della catena di blocchi da parte delle imprese. Lo scopo dello studio era di scoprire quando e come la catena a blocchi si affermerà come strumento della libera economia.

L’84% dei principali responsabili delle aziende intervistate ritiene che le applicazioni a catena di blocco si affermeranno nel mainstream. Fino ad allora, può essere solo una questione di tempo. I casi d’uso sono principalmente nei settori della gestione della catena di fornitura (53 percento), dell’internet degli oggetti (51 percento) e dell’identità digitale (50 percento).

La maggior parte degli intervistati ha citato gli ostacoli all’adattamento della catena di blocco come la regolamentazione (39%), la sostituzione di strutture esistenti (37%) e le preoccupazioni in materia di sicurezza (35%). La maggior parte delle persone vede il maggior vantaggio della catena a blocchi nella maggiore velocità consentita dalla tecnologia (32%), seguita da una maggiore sicurezza (21%) e costi inferiori. Il 34 per cento delle aziende intervistate classificano la catena di blocchi tra le prime 5 priorità della loro strategia futura, un altro 29 per cento la vede come una priorità elevata, ma non è inclusa nella top 5.

La messa a fuoco è fondamentale
Entrambe le indagini esaminano l’adattamento della catena a blocchi da diverse angolazioni. Mentre Coinbase si occupa di diffondere la conoscenza della catena a blocchi e delle valute criptate nel mainstream, Deloitte si occupa dell’applicazione concreta da parte delle aziende. Entrambi i punti sono importanti di per sé, ma insieme forniscono molte più informazioni sull’adattamento effettivo.

Il tasso di etereo è salito questa settimana

Ethereum (ETH) – Analisi del corso KW17 – Corso poco prima del modello Cup-and-Handle-Pattern.
La tendenza al rialzo della scorsa settimana potrebbe continuare. Il 24 aprile, il prezzo dell’etereo ha raggiunto il suo massimo mensile di 580,90 euro. Anche se nel frattempo il corso azionario è sceso al di sotto dei 500 euro, è riuscito e continua a rimbalzare la tendenza al rialzo. Il corso sta per formare una formazione di coppa e maniglia.

Sintesi del

Un altro rally ha portato il prezzo dell’azione a 580,90 euro. Dopo che il prezzo è stato ipercomprato, ha testato la tendenza al rialzo, è rimbalzato e ora sale di nuovo.
Nel complesso, la valutazione è rialzista. Il supporto più importante e possibile stop loss è di 542,72 Euro, la prima resistenza è di 580,90 Euro.
La sorgente della cripta è visibile anche in Ethereum. Gli obiettivi annunciati la scorsa settimana sono stati tutti raggiunti e anche superata. Il rally si è concluso temporaneamente a 580,90 euro e un RSI ipercomprato, che ha portato ad una prova della tendenza al rialzo. Tuttavia, il prezzo è rimbalzato a questo punto e da allora è nuovamente aumentato. Sembra che al momento si stia formando un modello di coppa e manico per confermare questo, ma l’etereo deve ancora salire a 580,90 euro.

Il MACD (secondo pannello dall’alto) è positivo e di recente è di nuovo in aumento. La linea MACD (blu) è sopra il segnale (arancione).

Il RSI è a 64 anni ed è rialzista con esso

Nel complesso, la situazione deve essere valutata al rialzo in base al prezzo, alla tendenza e agli indicatori.

Supporto e resistenza
Il primo supporto è di 542,72 Euro ed è descritto dall’altopiano recentemente rotto. Un ulteriore supporto è descritto dalla tendenza al rialzo che coincide con la media mobile esponenziale EMA50 e la correzione di ieri a 507,07 Euro.

La prima resistenza è descritta dal massimo mensile ed è di 580,90 Euro. Se il prezzo dovesse superare questo livello, un’altra resistenza sarebbe descritta dalla resistenza testata a metà marzo a circa 600 euro.

Punti di ingresso, perdite di arresto e obiettivi
Attualmente, si offre una posizione lunga, dove il supporto a 542,72 Euro viene scelto come stop loss. Il primo obiettivo sarebbe di 580,90 euro e il secondo di 599,97 euro. In linea di principio si potrebbe scommettere sul modello Cup-and-Handle dopo aver superato la prima resistenza menzionata, ma si dovrebbe guardare strettamente al RSI – se fosse ipercomprato, sarebbe consigliabile realizzare alcuni profitti e piuttosto utilizzare un consolidamento per un rientro.

Se il prezzo scende al di sotto dello stop loss nonostante le prospettive rialziste, il supporto fornito dal trend rialzista può essere osservato e può essere un possibile punto di rientro.

Disclaimer: Le stime di prezzo presentate in questa pagina non costituiscono raccomandazioni di acquisto o vendita. Sono solo la valutazione di un analista.